giovedì 2 dicembre 2010

terra di nessuno

In "linea" dal 16 ottobre al 2 dicembre:
  • "Black and Gold " Crumbs for Comfort play Sam Sparro
  • "Greatest Hits" Giorgia's album
  • "Heavy Cross" Gossip
  • "Keep The Faith" Bon Jovi
  • "Kings and Queens" Thirty Seconds To Mars
  • "Kiss Me" Sixpence None the Richer
  • "Kung Fu Fighting" Cee Lo Green & Jack Black
  • "L'eternità" Giorgia
  • "Love Actually" Official Soundtrack's album
  • "Neutron Star Collision (Love Is Forever)" MUSE
  • "Nobody's Wife" Anouk
  • "Paralyzer " Finger Eleven
  • "Protectors Of The Earth" Two Steps From Hell
  • "Sei tu o lei (quello che voglio)" Alex Baroni
  • "Stand by me" Ben E. King

lunedì 22 novembre 2010

la bici del potere

Quegli attimi che non puoi immortalare con una immagine, non perché siano astratti, ma solo perché o molto veloci o non puoi fisicamente in quel momento usare una macchina fotografica!
Che dire di un tramonto che spunta all'improvviso da dietro una casa mentre si parla con un amico, di un sorriso fugace sul volto di un bambino oppure, come oggi, il potere del piccolo sul grande.
In Liguria, specie dalle mie parti, le strade non sono molto larghe e l'idea di superare a volte diventa un'utopia. Oggi mentre andavo al lavoro, sulla corsia opposta mi è capitato di vedere una signorina tutta impettita sulla sua bicicletta, che pedalava tenendo la destra...fin qui tutto normale. Peccato che proprio dietro di lei ci fosse un camion enorme, di quelli che fan paura anche solo quando ti si fermano in coda e tu sei in macchina, che andava al suo passo, non poteva superarla (poca agilità) e sembrava un cagnolino. Lì per lì avrei tanto voluto una macchina fotografica, avere le mani libere e rendervi partecipi di quell'immagine spettacolare!

LACUNA COIL - Enjoy the Silence - US Version (OFFICIAL VIDEO)

domenica 14 novembre 2010

Streghe all'Estero

"La maggior parte della gente, svegliandosi, compie un veloce controllo precoscienza, all'insegna del panico: chi sono, dove mi trovo, chi è questo/questa, dio buono perché sono abbracciato a un casco da vigile, cos'è successo ieri sera?
Questo perché la gente è tormentata dal Dubbio. E' il motore che li spinge nella loro vita. E' l'elastico nell'aeroplanino della loro anima, e passano il tempo ad avvolgerlo, finché non si annoda. Il primo mattino è il momento peggiore: c'è quel breve istante di panico, il dubbio di essere finiti alla deriva e sostituiti da qualcos'altro. Questo non succedeva mai a Nonna Weatherwax. Lei passava direttamente dal sonno all'operatività massima. Non aveva bisogno di trovare se stessa, perché sapeva sempre chi la stava cercando."
(Terry Pratchett, Streghe all'Estero)

Red Hot Chili Peppers - Snow [Hey Oh] (Video)

domenica 7 novembre 2010

"Save Me" by Queen

Una delle cose che faccio al mattino è accendere la radio: pochi minuti in realtà, ma giusto per tenermi compagnia mentre mi preparo per andare al lavoro; ed in genere la prima canzone che sento è anche quella che mi accompagna per tutta la giornata!
Questi video sono per rendervi partecipi di questo momento, o al massimo, per farvi ascoltare un po' di musica in più a quella sulla colonna a sinistra ^_^

domenica 24 ottobre 2010

un' attimo ripetuto 40 volte

Un bell'attimo che ha creato un'altro bell'attimo: ecco una cosa che capita raramente (o almeno a me!)...
Lunedì 18 ero all'UNI3 ...un momento, faccio un passo indietro... per chi non lo sapesse è il secondo anno di fila che insegno nell'università della terza età con un ciclo di incontri intitolati "Sociologia per Principianti" ed in particolare le lezioni sono incentrate sui Pregiudizi. La soddisfazione che mi danno in poche ore i miei alunni è enorme: attenti, interessati, aperti, partecipi e chi più ne ha più ne metta! Ero partita l'hanno scorso con 6 alunni il primo giorno (in realtà sei più di quanti me ne aspettassi :P) ed avevo finito con una ventina. Quest'anno, complice il fatto che la mia lezione apriva l'anno accademico

"Ventimiglia: al via lunedì prossimo l'anno accademico 2010-2011 dell'Unitrè" Sanremonews

il numero era arrivato a 25... e già io gongolavo!
Quindi lunedì 18 ero all'UNI3, pronta a profundere una nuova lezione, che mi ritrovo l'aula stracolma: letteralmente! Un signore della prima fila suggeriva di chiudere la porta a chiave perché continuava ad entrare gente; uno delle ultime implorava uno spiraglio aperto della porta, nonostante il freddo, per respirare meglio; altri richiedevano a gran voce una petizione per ottenere una sede più grande (in effetti è proprio piccina!). Dopo un attento appello constato esterrefatta che sono in 40: il mio cuoricino esultante! Cosa che, detto tra noi, ho fatto fisicamente appena uscita dall'aula e aver girato l'angolo con molto garbo! ^_^
Quello era un bel momento!
08.15 del 21 ottobre: sono rannicchiata scomodissima su un sedile dell'Eurostar, di ritorno dall'ennesimo concorso pubblico dall'altra parte d'Italia, in cerca di un po' di riposo dopo l'alzataccia alle 5 ed i vari tour de force; ed arriva un sms dalla vice presidente della cooperativa per cui lavoro che mi fa i complimenti per un articolo di giornale...
"Faccetta esterrefatta del primo mattino con poco sonno alle spalle" (tutti almeno una volta nella vita l'abbiamo fatta per i motivi più disparati!) e così chiedo di quale articolo stia parlando perché io sono all'oscuro ed in effetti un po' fuori sede.
E così salta fuori che 40 alunni ad una lezione dell'UNI3 han fatto notizia e che ho proprio colpito nel segno! Subito ponte telefonico verso mia madre che acquista il suddetto giornale.
Come si può definire quell'attimo in cui scopri che qualcosa che ti piace fare, di cui in quel momento non ricerchi gloria, che dà soddisfazione anche ad altri e che ha scatenato una risonanza tale da indurre qualcuno, a tua insaputa, a scrivere un articolo di giornale?
Si definisce BELLO!
E così son finita su Internet

"Successo oggi per il corso “Sociologia per principianti” alla Unitrè di Ventimiglia"
"Ventimiglia: circa 40 allievi oggi alla lezione di Sociologia all'Unitrè Intemelia"
"Ventimiglia: record di studenti per il corso "sociologia per principianti" all'Unitrè"

e sulla carta stampata con un trafiletto su "La Stampa" e l'articolo qua sotto de "Il Secolo XIX"


scusate l'ostentazione, ma dovevo metterlo tra la collezione dei bei momenti :D

lunedì 4 ottobre 2010

un fortino ai confini della nebbia

Una giornata al confine: tra Italia e Francia, tra nebbia e sole, tra luce e ombra, tra buonumore e malinconia, ecc.


venerdì 1 ottobre 2010

Un bell'attimo

E iniziamo con una nuova tipologia di post: non preoccupatevi le altre rimangono (e così sembra una minaccia...e magari per qualcuno lo è! ^_^), ma mi è venuta voglia di contribuire anche io a "il mondo fa schifo, ma non sempre e non in modo continuo!".
Per chi mi conosce bene e anche per chi segue da un po' questo blog, sa benissimo che sono costantemente e talmente presa dal "fare attenzione" che la SPN (sfiga più nera) non mi ammazzi, con una buona aggiunta (andateci pesante con la mano) di pochissima autostima (data anche dal cercare di non sparire come al solito) e una spolverata di dabbenaggine negli affari di cuore personali (se piaccio ad un ragazzo questo deve venirmelo a dire ed essere sicuro che io non abbia frainteso qualcos'altro: gente...IO NON ME NE ACCORGO!) che buona parte di quei piccoli piaceri temporanei e fugaci che il mondo dà..beh..mi passano in secondo piano!
E così, visto che c'è una sezione sul voler capire alcune assurdità, ho deciso di creare la sua controparte: GRAZIE PER QUESTO ATTIMO
Niente di che, un po' Pollyanna forse, ma (macchina fotografica alla mano o cellulare) cercherò di fotografare quelle piccole cose che ti fan pensare in quell'attimo "Ah, che carino!" oppure "Ma che bella idea!" e 30 secondi dopo sono passate; oppure quelle meraviglie che sembrano miracoli; o ancora gentilezze, genialate, insomma...basta perdere quel secondo nel mare del "oddio che schifo!"...accumula, accumula...magari un minuto riesco a recuperarlo a fine mese!

Incominciamo con un semplice sacchetto di carta: entrata in una libreria Mondadori, scelto il libro, pagato e mi viene consegnato nel classico sacchettino di carta. Fin qui tutto bene! L'occhio mi cade su di un lato e vedo un semplicissimo disegno che simula una casa e le parole "qui dentro vive una storia...". Mi ha fatto sorridere. E' una enorme banalità il pensiero che dentro quel sacchetto ci sia una storia, ma è pur sempre carina! E ad il primo che mi dice che l'autore della genialata ha scoperto l'acqua calda...beh...pensate a quanto siete felici voi di vedere l'idraulico nell'attimo di quando vi si rompe la caldaia!



Karate Kid

giovedì 30 settembre 2010

pensando a come non tagliarsi raccogliendo i pezzi nella confusione

In "linea" dal 10 settembre al 30 settembre:
  • "Black and Gold " Crumbs for Comfort play Sam Sparro
  • "Dreaming Of You" The Coral
  • "Far Away" Nickelback
  • "Fighting For My Love" Nil Lara
  • "Hey, Soul Sister" Train
  • "Piccola stella senza cielo" Ligabue
  • "Rockstar" Nickelback
  • "Sex On Fire" Kings Of Leon
  • "So Far Away" Staind
  • "The Only Exception" Paramore
  • "Toss The Feathers" The Corrs
  • "When It's time" Green Day
  • "With Or Without You" U2
  • "Would You Be Happier?" The Corrs
  • "You Got It" Roy Orbison

mercoledì 22 settembre 2010

Kinder Bueno: l'inizio dell'incubo!

Mi associo ai milioni di utenti della televisione italiana chiedendo la denuncia per stalking della tipa...e continuo a voler capire!

venerdì 10 settembre 2010

Ricordo di un'estate

In "linea" dal 2 settembre al 10 settembre:
  • "Dreaming Of You" The Coral
  • "E ti vengo a cercare" Franco Battiato
  • "Everybody Hurts" REM
  • "Fighting For My Love" Nil Lara
  • "Hey Julie" Fountains of Wayne
  • "Ho Imparato a Sognare" Negrita
  • "Magnolia" Negrita
  • "Message In A Bottle " Sting
  • "Piccola stella senza cielo" Ligabue
  • "Purple Rain" Prince
  • "Rockstar" Nickelback
  • "Roxanne" The Police
  • "So Far Away" Staind
  • "Svegliarsi la mattina" Zero Assoluto
  • "With Or Without You" U2

venerdì 3 settembre 2010

percezione selettiva

Vi è mai capitato di essere perseguitati da dei "segni": non intendo dei meteoriti che cadono nel vostro giardino con sopra scritto qualcosa (ehm...a qualcuno è mai successo?) e nemmeno a quelle coincidenze da confini della realtà, ma a quei messaggi subliminali percepiti dalle nostre orecchie...o meglio...dalla nostra testa!
Esempio:
innamorati persi di una persona...magari con qualche complicanza? Voilà...il suo nome vi salterà fuori ovunque: la mamma che chiama il figlio, i titoli di coda del film, il nuovo idraulico o il cartellone pubblicitario appena montato sulla strada che vi porta al lavoro;
o ancora meglio
la persona in questione è lontana e vi ha detto o fatto qualcosa che vi è rimasto in mente (in pratica ogni cosa, ma questo è secondario!)? Ecco che la televisione vi propone un bel film d'amore tipo questo



con, ovviamente, frasi e situazioni identiche...e nell'intervallo pubblicitario ecco il trailer del film creato apposta per la vostra situazione



In realtà nessuno vi sta perseguitando: è solo la vostra testa che è "orientata" in un certo modo. Quei messaggi erano già lì, ma noi semplicemente non li avevamo percepiti come importanti. Da un lato può essere visto come una difesa: il cervello è bombardato da informazioni in continuazione e deve per forza fare una cernita; dall'altro può "aggravarsi" come percezione selettiva. Se consapevole è utilissima per cercare le cose, se inconsapevole...beh...o siamo perseguitati dai segni o qualcuno ha deciso di pilotare le nostre idee su qualcosa!

Comunque, ritornando al nostro esempio, anche sapendolo...è il nostro cuore che guida certe cose, non la nostra testa! ^_^

macchiati

E' una mia impressione o gli spots per smacchiatori hanno qualcosa di malato?
Dopo quello già citato dei bimbi sullle montagne russe, ecco che si cambia Marca, ma il fastidio di fondo rimane:
"Adolescente che "prende in prestito" la camicetta della madre, ma che poi si rende conto di averci fatto una macchia sopra (il che vuol dire che con quell'indumento ci sia uscita e che abbia fatto qualcosa per macchiarla!) e con la sorella è impanicata nel vano tentativo di eliminare la prova! Infine arriva la genitrice che dapprima s'inerpica riconoscendo la camicetta, ma poi si tranquillizza dicendo che la sua aveva una macchia, mentre quella no (prontamente asportata dal nostro additivo!)... risolini di scampato pericolo dalle ragazzine!"

Peccato che l'unica macchia eliminata sia quella del tessuto, perché credo ce ne siano di belle grosse a tappare sia gli occhi dei protagonisti, sia le orecchie degli spettatori... senza parlare (continuo a ripetermi) della percezione degli autori!
Vorrei capire!!!!!!!

giovedì 2 settembre 2010

covando qualcosa

In "linea" dal 30 luglio al 2 settembre:
  • "Addicted" Saving Abel
  • "Escape" Craig Armstrong
  • "Gioia Infinita" Negrita
  • "Happy Ending " Mika
  • "Help" The Beatles
  • "Here Comes The King" X Ray Dog
  • "Hips Don't Lie" Shakira featuring Wyclef Jean
  • "Hologram" NICO Touches the Walls
  • "I Hear the Bells" Mike Doughty
  • "I must not chase the boys" Play
  • "I Remain" Alanis Morissette
  • "I Say A Little Prayer For You"
  • "Ironic" Alanis Morissette
  • "More Than A Feeling" Boston
  • "Sweet Home Alabama" Lynyrd Skynyrd

venerdì 13 agosto 2010

Fullmetal Alchemist: Brotherhood

Devo essere sincera: non ho mai letto il Manga e non ho visto neanche la prima serie...ma un giorno ho buttato l'occhio su questa versione della storia e mi ha preso! In streaming mi sono bevuta ogni settimana l'episodio sottotitolato...fino alla fine!

Eclipse

venerdì 30 luglio 2010

in attesa di sottolineare la libertà e testimoniare l'amore

In "linea" dall'11 luglio al 30 luglio:
  • "'74 - '75" The Connels
  • "Eleanor Rigby" The Beatles
  • "Grace Kelly" Mika
  • "Happy Ending " Mika
  • "Help" The Beatles
  • "Hey Jude " The Beatles
  • "Hips Don't Lie" Shakira featuring Wyclef Jean
  • "Hologram" NICO Touches the Walls
  • "I Remain" Alanis Morissette
  • "Ironic" Alanis Morissette
  • "Nothing Ever Hurt Like You" James Morrison
  • "Still" Alanis Morissette
  • "Use Somebody" Kings Of Leon
  • "We Are Golden " Mika
  • "Zangalewa" Golden Sounds

giovedì 29 luglio 2010

Peanuts

"Non ti preoccupare del fatto che il mondo possa finire oggi. E' già domani in Australia."
(Marcie - Peanuts)

lunedì 12 luglio 2010

De Amicitia T-shirt contest

Illustrazione realizzata all'inizio dell'anno per il "De Amicitia T-shirt contest". Il concorso su Facebook recitava così:

We are inviting all friends, volunteers, activists and sympathisers to enter the 2010 De Amicitia T-Shirt comptetition.
Following the UN decision to dedicate 2010 to BIODIVERSITY, we are launching this competition on the web.
We invite you to express your creativity by sending designs realted with BIODIVERSITY (in jpeg format) to evs@deamicitia.org from now until the 6th January.
Recieved Designs will be shown in our webpage (www.deamicitia.org) and on Facebook 30th January
The winner will be decided by De Amictia's team and members.
you can vote by posting on our wall or sending an e mail to evs@deamicitia.org.
The winner will have the honour of receiving the first 2010 T-shirt and wil get free membership for 2010 .
Looking forward to see your creativity!!!!!!

Visto che è passato giusto qualche mese e non se ne è saputo più niente...io la pubblico: spero vi piaccia!?
Che ne pensate? Vi piacerebbe una maglietta così?

domenica 11 luglio 2010

posti nuovi e vecchi viaggi

In "linea" dal 3 giugno all'11 luglio:
  • "'74 - '75" The Connels
  • "Ballo in fa Diesis Minore" Angelo Branduardi
  • "Closing Time" Semisonic
  • "Hey Jude " The Beatles
  • "I Remain" Alanis Morissette
  • "I Still Haven't Found What I'm Looking For" U2
  • "I Try " Macy Gray
  • "My Favourite Game" The Cardigans
  • "Objection (Tango)" Shakira
  • "Rome Wasn't Built In A Day " Morcheeba
  • "Thank You" Dido
  • "Trouble" Pink
  • "Underneath Your Clothes" Shakira
  • "White Flag" Dido
  • "You Oughta Know" Alanis Morissette

giovedì 17 giugno 2010

volto nuovo al blog

Post veloce per spiegare l'ovvio: il blog ha cambiato faccia! Un po' complice la possibilità di nuovi Design data da Blogger, un po' la mia voglia di cambiare...ecco un nuovo volto, o al massimo, vestito! Sullo sfondo non più un faro in mezzo alla nebbia, ma delle foto sfocate...l'idea di fondo non è cambiata...ma solo la prospettiva!
Spero vi piaccia!

giovedì 3 giugno 2010

I'm feeling good?

In "linea" dal 5 maggio al 3 giugno:
  • "21 Guns" Green Day And The Cast Of American Idiot
  • "Again " Yui
  • "Black and Gold" Sam Sparro
  • "Breaking the Habit" Linkin Park
  • "Feeling Good" Nina Simone
  • "Fireflies" Owl City
  • "Golden Time Lover" Sukima Switch
  • "History of Everything" Barenaked Ladies
  • "Leave Out All The Rest" Linkin Park
  • "New Divide" Linkin Park
  • "Out of My Mind" James Blunt
  • "Period" Chemistry
  • "Shunkan Sentimental" SCANDAL
  • "Unwritten" Natasha Bedingfield
  • "You really got me " The Kinks

mercoledì 5 maggio 2010

fiamme e lucciole

In "linea" dal 10 aprile al 5 maggio:
  • "21 Guns" Green Day And The Cast Of American Idiot
  • "Back to bedlam" James Blunt's album
  • "Black and Gold" Sam Sparro
  • "Eternal Flame" The Bangles
  • "Everybody Hurts" R.E.M.
  • "Fireflies" Owl City
  • "Hold Your Dreams"
  • "I'm Outta Love " Anastacia
  • "Kings and Queens" 30 Seconds To Mars
  • "Leave Out All The Rest" Linkin Park
  • "One Day In Your Life " Anastacia
  • "Paid My Dues" Anastacia
  • "Someday We'll Know" New Radicals
  • "Tender" Blur
  • "The Cat Came Back" Fred Penner

Robert Downey Jr. e Ventimiglia

Una cosuccia che vorrei capire: io adoro Robert Downey Jr. come attore! Lo so, ha fatto una vita da schifo...ma mi piace come recita!
In effetti non è quello che voglio capire!
Voglio capire, perché di 2 film che ho visto recentemente...entrambi non hanno scene che si vedono nei trailer!?
Già! Il trailer dura niente: ti viene sparato a ripetizione prima e dopo i pasti...alla fine lo sai a memoria! E in fondo ti aspetti di vederle...quelle scene! Poi ti ritrovi con un montaggio diverso e proprio quelle, tagliate!

Ma il danno alla fine non è lì!

Il vero danno è quello che è successo sabato al Cinema Comunale di Ventimiglia (IM): mia sorella, relativo fidanzato ed io siamo usciti per andarci a vedere Iron Man 2...ben consci che alla fine dei titoli di coda ci fosse una scena in più! Paghiamo i nostri biglietti e ci sistemiamo (sorvolo sulla qualità della proiezione) e finalmente arriviamo alla fine del film. Iniziano a scorrere i titoli di coda: un'orda di gente impaziente scappa letteralmente dalla sala...mentre noi, assieme ad altri informati, ci "ciucciamo" gli infiniti nomi ascoltandoci le musiche.
Arrivati alla fine...la pellicola viene interrotta!
O_O
Ehm...mia sorella va dal bigliettaio e gli dice che il film non è finito! Questo chiama in sala proiezione e dopo qualche minuto vediamo arrivare il proiezionista già in tenuta da "sto scappando!". Facciamo presente che vorremmo vedere la fine del film e ci viene comunicato che la pellicola è così, che è sempre stata proiettata così e che lui se ne deve andare!
Ora...stiamo scherzando?
Fino a prova contraria, dubito molto che distribuiscano film tagliuzzati, e quindi io ho pagato anche per quel minuto!
Soluzione? Ce ne siamo tornati a casa e ci siamo visti il finale su YouTube!
Anche se mi viene da dire...io al cinema ci vado, ma per vedere tutto me lo devo scaricare?



martedì 4 maggio 2010

adesso come adesso

La situazione attuale...

Piccoli Piaceri

PICCOLI PIACERI
Il piacere della sconfitta
di: Belfolk


Caterina dice che aspetta ogni mercoledì a partire dal mercoledì sera. Che è il suo piccolo momento di piacere.
Io non mi faccio illusioni, però: dice tante cose.
Quando arrivo ha già messo al loro posto i pezzi sulla scacchiera e i cuscini, visto che giochiamo sul pavimento e ogni partita dura un’ora o più.
“Non tocca a me il nero” faccio, come ogni volta.
“Si invece” dice lei, accarezzando i suoi pedoni bianchi come se fossero un piccolo esercito del bene.
Ama il bianco ed, ancora di più, ama avere la priorità: immersa in soffici nuvole fatte di cotone sembra Loreley che aspetta il suo marinaio. Alcuni cupcakes assieme a delle tazze di the sostano sul vicino tavolino e la tenue luce riverbera sui pezzi lucidi, dando al tutto un leggero effetto vintage: se ci fosse un vecchio libro di favole, questo momento potrebbe esserne una illustrazione.
E' ormai un anno che questa danza è iniziata e si è infilata sotto la pelle come una droga.
Senza aspettare oltre, lei muove il primo pedone puntando a conquistare il centro della scacchiera: non c'è mai bisogno che io faccia finta di non impegnarmi...anzi, è fin troppo brava! Ed è questo che rende le partite “di puro piacere”: l'impegnarsi con tutti noi stessi, far uscire i veri noi...senza tanti preamboli o false cortesie. Conosciamo le nostre tecniche di gioco quasi a memoria, ma lo staccare dalla normale routine e l'immergerci in quell'ora ci rende padroni di un mondo nostro: dei e, allo stesso tempo, piume trasportate dal vento.
Il suo alfiere scende in campo ed iniziano i dolori: il bianco avvolge e fa scomparire i miei piccoli frammenti di cioccolato; uno dopo l'altro vengono sacrificati per il suo piacere e il suo diletto. La osservo mentre un sorriso distaccato e sornione le si dipinge sul volto e non me ne importa: osserverei quegli occhi verdi e, allo stesso tempo, torbidi per l'eternità!
Mi sta letteralmente distruggendo, ma ho deciso di difendermi: cavalieri neri si battono strenuamente sul campo di battaglia, scogli dirompenti che infrangono quelle bianche onde.
A volte vorrei portare anche un po' di musica, ma non mi è permesso: i nostri incontri sono regolati da rigide regole e l'infrangerle dissolverebbe quella piccola magia.
“Non ti chiedi mai che cosa faccio gli altri giorni?” dissi all'improvviso, i suoi occhi si alzarono e mi fissarono per pochi secondi, per poi ritornare sulla scacchiera, “Uhm...non c'è bisogno! So che cosa fai quando sei con me.”, “E che cosa farei?”, la sua sottile e diafana mano si richiuse sul mio re, “Perdere direi!”.
Il tempo è volato, racchiuso in una bolla che volteggia piano: devo congedarmi.
Alzatomi dal pavimento, l'aiuto a raccogliere quell'esercito sconfitto e le do un bacio sulla fronte: “Tra una settimana, mercoledì prossimo: comincerò a contare da quando uscirai dalla porta!”, disse lei, “Ed io ci sarò, come sempre!”.
Chiudo la vecchia porta del salotto alle mie spalle e mi ritrovo sul bordo del burrone dell'eternità: bordi sfocati e mille voci chiamano la mia attenzione. Caterina, protetta in quella roccaforte, ha un'altra settimana di vita, altre ore di deliziosa routine, ed io spero sempre che mi batta, per godere in continuazione di quella compagnia.

domenica 2 maggio 2010

Contest BlusuBianco

Un nuovo concorso letterario, nuove storie partorite.
Un incipit a settimana e poi largo alla passione.
Ecco a voi la prima storia del BlusuBianco contest!

Sentirsi
A distanza qualcosa è cambiato


La sua camicia è una macchia bianca sul letto. Lei la ignora: infila nel cassetto la biancheria pulita, mette la borsa nuova sul ripiano più alto dell’armadio, apre la finestra e cambia aria alla stanza. Va a sedersi davanti allo specchio.
E’ bella, oggi; sembra quasi che il trucco di ieri sera le sia rimasto addosso. Ora può girarsi, raggiungere il letto.
Prima sfiora il colletto e accarezza le maniche, poi se la preme sul naso, sulla bocca. Sorride: che stupida.
Va all’armadio e cerca una stampella libera. Si sforza di non guardare il telefono anche se è lì, sul comodino.
In fondo si sono lasciati un paio di ore fa... è inesatto: si sono lasciati 1 ora, 49 minuti e 30 secondi fa!
Quei pochi giorni di vacanza sono finiti e lui ha ripreso il treno, ma si era dimenticato la camicia sul letto: tortura e delizia dei sensi. Quella bianca stoffa è impregnata del suo odore: stordente come un campo di iris blu, avvolgente e rassicurante come lo zucchero filato al luna park. Sfiora ancora una volta il bavero e, con un gesto risoluto, ripone la camicia nell'armadio.
Avevano deciso di passare tutta la notte fuori, senza dormire: godere della compagnia dell'un l'altro, imprimersi nella mente ogni piccolo particolare, aggrovigliare sottili filamenti d'anima, poi l'aveva accompagnato alla stazione. Non c'erano stati addii da film, con il fumo della locomotiva ed il tempo che si ferma, decisamente no! C'era stata una corsa sui binari, un bacio sottolineato dal fischio del capotreno e poi un parlare muto attraverso il vetro delle porte chiuse, in attesa che il treno partisse...in ritardo! L'alba aveva fatto capolino appena uscita dal piazzale della stazione: fredda, bianca e rosa ad avvertire che un nuovo giorno iniziava.
Ricominciare: spesa, organizzare il lavoro per l'indomani, fare la lavatrice.
La sua mente è fatta così: aveva addirittura accelerato il passo per andarsene dai binari, neanche volesse fuggire da quella partenza, come dire “è andato!”; mentre in fondo il suo stomaco era lì a sussurrare che quello stato di grazia sarebbe durato per un po'.
Musica: il lettore mp3 spande delicatamente per la stanza l'ultima canzone selezionata, le corde di una chitarra vibrano dapprima lente e poi sempre più veloci, così come i suoi pensieri.
La sua voce si leva: canta raramente, una terapia inconscia il più delle volte. Lo squillo del telefono la interrompe: una sua collaboratrice le chiede consiglio per un loro progetto! La mente ha il sopravvento, il PC si accende e la mattinata parte. In effetti perché non sfruttare quell'ultimo giorno fuori dal cubicolo per portare avanti il suo ingombrante passatempo? Un pranzo che assomiglia pesantemente ad una colazione, un ultimo sguardo alle tavole grafiche e l'idea di uscire per andare in tipografia.
Il cielo si rannuvola, il freddo si è fatto più pungente: meglio mettere qualcosa di più pesante. Si dirige distratta verso l'armadio, apre l'antina ed improvvisamente, violentemente, un odore dolce e intenso la investe: il suo odore! Lo stomaco questa volta decide di urlare: malinconia e, forse, lacrime.
Possibile? Eppure se ne è appena andato! E' tutto sbagliato e, purtroppo, tutto maledettamente logico. Uno sguardo al telefono ancora sul comodino e l'incontenibile voglia di sentire la sua voce: uno squillo, due, tre... Rimane pietrificata e poi corre a rispondere: “Ciao, tutto bene?” dice lui dall'altro capo; l'effetto è quello di un pugno, ma la risposta è semplice, paurosamente normale, come se fosse una delle tante telefonate fatte in quei mesi e si protrae in una conversazione fittizia. Poi lui se ne esce con una frase senza senso: “Sai, ti ho sognata in treno. Mi sono addormentato ed ho sognato che eri lì accanto a me a parlarmi di lavoro mentre mangiavi dello zucchero filato, ma poi hai cominciato a piangere...”; lacrime calde e silenziose si affacciano sulle guance di lei andando a bagnare la cornetta; “...io non sapevo che fare, così mi sono alzato, ho aperto una porta e ci siamo ritrovati in un prato e ti ho detto: “Ti amo!”; pochi secondi di pausa e poi: “Ti amo!” questa volta con un tono di voce inedito. Una manica del maglioncino a tamponare le lacrime, un piccolo respiro e: “Volevo sentirti! Mi sei mancato!”
Che per lei corrisponde alla più grande delle dichiarazioni.

giovedì 29 aprile 2010

La Ragazza che Saltava nel Tempo

La ragazza che saltava nel tempo è un film/anime che ho visto nel periodo di Capodanno e che mi è piacuto non tanto per la "coerenza", ma per l'idea in sè. Uno di quei film da vedere come si legge una poesia: sentendolo piuttosto che analizzandolo!
Purtroppo spero che il link che avevo messo a fine pagina all'epoca sia stato utile...perché a quanto pare non esiste più! ^_^
Il filo conduttore di tutta la storia è la frase:

"Time waits for no one"

lunedì 12 aprile 2010

Tiburtina e i suoi lavori

Erano quasi 2 anni che non scendevo a Roma, ma nelle vacanze di Pasqua ho fatto un salto!
lo shock è arrivato quando sono uscita dalla metropolitana di Tiburtina: la stazione non c'era più! O meglio...era tutta diversa!
Credo che certi colpi vengano quando si è talmente abituati ad una cosa che si finisce per darla come scontata: un decennio a vedere, a vivere quel luogo sempre alla stessa maniere (forse con qualche piccolo cambiamento, ma niente di più!) e poi "puff"...ecco un paesaggio post-atomico!
La stessa cosa mi era successa quando ero andata alla vecchia sede di etnografia: non c'era più il palazzo (mi son sentita Willy Wonka!), ma Tiburtina era il nodo di scambio, la fermata e la partenza, dove darsi appuntamenti, dove si decideva, ecc.
Uno di quei posti che attraversi senza farci troppo caso, anche perchè era meglio non fare caso a tante cose...diciamocelo!

Art-Journal pag. 10, 11, 12, 13 e 14

14. EMOZIONI [emotions]


13. GIOCO [game]


12. SOGNO [dream]


11. TRANQUILLITA' [quiet]


10. SHOPPING

sabato 10 aprile 2010

nostalgia di un'amica

In "linea" dal 13 marzo al 10 aprile:
  • "Anywhere is..." Enya
  • "Caribbean Blue" Enya
  • "Everybody Hurts" R.E.M.
  • "Fireflies" Owl City
  • "Kings and Queens" 30 Seconds To Mars
  • "Only Hope" Switchfoot
  • "Only If" Enya
  • "Orinoco Flow" Enya
  • "Someday We'll Know" New Radicals
  • "Storms In Africa" Enya
  • "Tender" Blur
  • "The Cat Came Back" Fred Penner
  • "The Celts" Enya
  • "Too Much Love Will Kill You" Queen
  • "When you love someone" Bryan Adams

martedì 23 marzo 2010

Aiutare e Donare

Anche se il titolo è altisonante non parlerò di nessuna iniziativa epocale, niente di che in effetti.
Parlerò invece di una cosa che mi fa un gran piacere.
Non mi sono mai reputata una strafiga e devo dire che sono particolarmente perseguitata dalla SPN (Sfiga Più Nera), ma a volte un piccolo gesto del prossimo mi riesce a trasformare la giornata.
Oggi stavo andando dal dentista a Mentone (in Francia...ad una 20 di km da casa per intenderci!)...pronta a lasciarci lo stipendio di un mese! Non trovando parcheggi liberi mi sono infilata in uno a pagamento, scendo per andare a fare il ticket (3€ che sarebbero partiti) e mi ritrovo davanti un signore che mi mette in mano il suo ticket e mi saluta cordialmente. O_O rimango per un attimo basita (avevo ringraziato in automatico) e guardo l'orario...perfetto! E non è la prima volta che succede: pass per sagre, biglietti numerici di file interminabili, ecc.
Oppure volete mettere quando al supermercato è rimasto l'ultimo barattolo del vostro prodotto nello scaffale in alto (e in fondo) e voi siete alte un tappo e mezzo? E non avete la faccia tosta della Littizzetto! Beh, in quel momento di sconforto arriva qualcuno che senza dire nulla vi prende la vostra agognata scorta e ve la consegna. E in treno quando la valigia pesa più di voi e qualcuno vi aiuta a posizionarla!?
E' vero: sono più le volte che non capita! Ma quando capita....ti risolleva la giornata!
Semplicemente aiutare qualcuno in difficoltà, oppure donare qualcosa che non si può più usare, senza pretendere niente.
Ve ne ho parlato perchè è una pratica che in fondo a voi non costa nulla, ma è in grado di far stampare un sorriso sulla faccia di altre persone!

venerdì 19 marzo 2010

Jeans e seduzione small

Una nota "supermodella", l'ennesima 38 con i tacchi, un paio di jeans e la mela rossa del peccato!
Peccato che l'idea di seduzione sia, nella nostra società, abbinato ad un'immagine di donna decisamente "trascurata dai brodi".
Non è per essere cattiva, ma se la ragazza in questione mi offrisse la mela le risponderei di mangiarsela...che ne ha più bisogno di me!

Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo: Il ladro di fulmini

La storia dell'eroe Annalucia su Perfiducia 2.0

Non riuscivo a capire a che punto fossi.
La mia vita e la mia strada mi avevano portato fin là.
Ma il bello stava per cominciare... o era già cominciato ed io non me ne ero accorta!
Distratta come sono "il bello" avrebbe potuto investirmi ed io l'avrei semplicemente ignorato, intenta a cercare chissà che. A volte mi accadeva di desiderare una vita "nella norma": m'incantavo con gli occhi persi nel vuoto, crogiolandomi nell'idea di un buon sonno, di quelli riposanti, popolati da sogni d'oro.
Effetto: la persona davanti a me si sentiva osservata!
Anche in quel momento ero con la mente persa, ma almeno davanti avevo un enorme scaffale di dolciumi; chiunque fosse passato di là in quel momento mi avrebbe preso per una mangiona con problemi di scelta. In realtà di scelte ne avevo già fatte in abbondanza e non avevano a che fare con le caramelle. Una di quelle era a un metro da me e si stava struggendo nel dubbio: "Nutella o tavoletta?". La presi per un braccio,e sorridendo semplicemente la spostai verso le creme.
Lo scaffale della cioccolata implose: legno, metallo e polvere di cacao rovinarono lì dove prima c'era la mia migliore amica. Lei sbiancò e si aggrappò al barattolone da 750g.
"Basta?!" pensai, quando sentii un rantolo accanto: un bambino era a terra, non riusciva a respirare, in un evidente shock anafilattico. Mi chinai su di lui ed urlai: avevo bisogno di aiuto!

Panico di una mamma, il 118 chiamato, fare fare fare: ecco cosa sentiva il mio corpo, ma la mia mente? Un mal di testa lancinante tanto da farmi perdere l'equilibrio, il respiro bloccato nel petto e sonno. Rapido, improvviso. "No, non potevo addormentarmi! Combatti, rimani sveglia!" Altre persone si stavano occupando di lui, io dovevo fare altro, ero chiamata a fare altro.

Un errore?

Persi la battaglia e mi accasciai in un supermercato a 700Km da casa mia. L'ultima cosa che il mio corpo percepì furono le braccia della mia amica: la fiducia che riponevo in lei, era superiore alla diffidenza che avevo nei confronti del mondo.

Buio.

Aprii gli occhi: di nuovo sulla frontiera, la frontiera tra mondi.
Questa volta luce e oscurità si alternavano così come le scene. Claudicante mi accostai ad un ciliegio: due uomini mi stavano aspettando con fare furtivo. "Due poliziotti in borghese? Strano, perché in fondo volevano me?" Se qualcuno avesse voluto farmi pagare il mio intromettermi nell'andamento delle cose: beh, diciamo che erano più diretti!
Appollaiata tra i rami, mi stupii del loro discorso: io avevo avuto successo contro quella cosa, io le avevo sottratto una preda, quindi...cosa sapevo io? "Niente o poco più" era la risposta, ma non piacque.
Il più anziano dei due, ed anche il più navigato, cominciò ad agitarsi: "morti non autorizzate, omicidi!" Sentivo di dover fare qualcosa, ma cosa? In fondo era come mandare una hostess a fare il lavoro di un poliziotto: io accompagnavo, non combattevo (se non per autodifesa)! Ma era anche vero che ero io stessa una preda ambita: forse la speranza non era in quel che io sapevo, ma nel mio essere una buona esca.

Luce.

Parco giochi recintato: altalene e una piccola piscina.
L'imboscata era pronta, mentre aspettavo (da brava vittima sacrificale) mi vennero in mente i momenti precedenti: l'animo della truppa si era risollevato ed il piano era stato steso. Gli occhi dei due comandanti si erano illuminati di una nuova forza: erano di nuovo in campo e la partita era stata studiata nei minimi particolari.

Determinati prima della tempesta.

Ero a terra ed ero in pericolo! Questo era indubbio, ma come diavolo avevo fatto a finire in quella situazione!? Il sorriso beffardo stampato sulla faccia di colui che avremmo dovuto catturare e la sua "arma" ad un palmo dalla mia fronte. Sentii le urla alle mie spalle, mi chiedevano di fuggire...sèh...la facevano facile!
Poi fu un attimo, tutto il resto del mondo scomparve: io sapevo! Non potevo lasciarlo fare! Avevo sempre creduto che il mio ruolo fosse uno, avevo paura dello stravolgere, per anni avevo ubbidito passiva al mio compito, ma se non fosse stato in fondo così? Le regole cambiano, gli imprevisti accadano! Fino a lì era andato tutto bene: lui era arrivato per attirare a sè quelle anime, novello pifferaio di Hamelin, sembrava tranquillo, piccolo e avvolto nel suo mantello, ed invece aveva già mangiato la foglia! Coperto da un cappuccio scuro bordato d'oro, seduto tranquillo sul bordo di un muretto, suonava il suo flauto traverso per attirare a sè i fanciulli e me! Intravidi per un attimo il bambino del supermercato: era già troppo tardi? Dovevo avvicinarmi il più possibile: il nostro obiettivo era lo strumento! Ed in effetti ce l'avevamo fatta: una azione coordinata, una trappola perfetta...troppo!

E le carte si rivoltarono.

Un rivolo di sangue le scese dal naso; Delia, che aveva già mollato da un pezzo il barattolo di Nutella, si affrettò a pulirlo: aveva tra le braccia il corpo inerme di Annalucia e cercava di tenere buoni i paramedici, impegnati con il bambino a terra. Quella ferita la preoccupava: non aveva mai capito quella cosa e non la condivideva, ma la rispettava. Il vano sogno di PACE della sua migliore amica sfumava ancora.

"Non potevo lasciarlo fare!" fu l'ultima cosa che pensai consapevolmente. Quando si trattava di morti tanto giovani, quando vedevo tanta rabbia, quando il passaggio "non era come doveva essere" e, quando, qualcuno voleva spedirmi all'inferno...beh...mi saliva una forza, un coraggio...ehm...veramente mi prendeva l'incoscienza! Ed accadde quello: mi gettai addosso al pifferaio. Preso di sorpresa, si scansò, quel tanto che bastava per allontanarmi da lui e nascondermi dietro un muretto. Sapevo che da lì a pochi secondi mi avrebbe ripreso: ero inerme!
Desiderio, speranza, fiducia, coraggio, incoscienza tutto si condensò in un solo gesto: scommisi su me stessa. Mi rialzai di scatto, sollevai la mano destra col palmo aperto e aprii bocca: tre nomi in una lingua sconosciuta ne scaturirono ed altrettanti simboli defluirono dalle dita formando a mezz'aria una luminosa figura complicata, ma allo stesso tempo lineare. Rimase lì un battito di ciglio, per poi scagliarsi su l'incredulo distruttore di anime. Ancora una volta l'istinto e una conoscenza sconosciuta mi stavano aiutando, ancora una volta la frontiera reclamava la sua abitante: mentre le immagini si deformavano venni informata che l'essere non era stato distrutto, ma allontanato. Mi lasciai andare al flusso del sogno, sprofondai nei meandri dell'oblio e per un attimo percepii i rossi fili delle persone a cui ero legata, delle mie scelte.
Aprii gli occhi a fatica: il mio corpo era completamente indolenzito. La prima cosa che vidi fu Delia che con un sorriso dolce mi disse: "Ben tornata!", poi fui investita da una marea impazzita...il MONDO! Mi girai di scatto verso il bambino e, sostenuta, mi rialzai: respirava e gli infermieri lo stavano portando via! Ringraziai mentalmente l'adrenalina. Due paramedici mi si accostarono, chiedendomi come stessi: simulai dispiacere per il mio svenimento e li assicurai che non sarei andata all'ospedale.
Incontrai lo sguardo spaventato e ostile della madre, diceva: inetta!
Uno sguardo preoccupato, però in quel momento, incontrò il mio: "Tutto bene?".
"Me la sono vista brutta!" e risi.

sabato 13 marzo 2010

radio, autoradio ed evasione

In "linea" dall'8 febbraio al 13 marzo:
  • "Change the World" Max Alto
  • "Chasing Cars" Snow Patrol
  • "Don't Stop" Fleetwood Mac
  • "Everybody Hurts" R.E.M.
  • "Fireflies" Owl City
  • "Kings and Queens" 30 Seconds To Mars
  • "Larger Than Life" Backstreet Boys
  • "Meet Me On The Equinox" Death Cab For Cutie
  • "Only Hope" Mandy Moore
  • "Only Hope" Switchfoot
  • "Protectors Of The Earth" Two Steps From Hell
  • "Someday We'll Know" New Radicals
  • "Tender" Blur
  • "The Cat Came Back" Fred Penner
  • Playlist "Queen & Freddie Mercury" su Youtube (Queen - 'Seven Seas Of Rhye' (Live at Wembley), Queen - 'Killer Queen', Queen - 'Now I'm Here' (Live At Wembley), Queen - 'You're My Best Friend', Queen - 'Bohemian Rhapsody', Queen - Somebody To Love (2002 Digital Remaster), Queen - 'Good Old Fashioned Lover Boy', Queen - 'We Will Rock You', Queen - 'We Are The Champions', Queen - 'Fat Bottomed Girls', Queen - 'Don't Stop Me Now', Queen - 'Play The Game', Queen - 'Another One Bites the Dust', Queen - 'Crazy Little Thing Called Love', Queen - 'Save Me', Queen - 'Flash', Queen - 'Under Pressure', Queen - 'Radio Ga Ga', Queen - 'I Want To Break Free' (Live At Wembley), Queen- 'Hammer To Fall', Queen- 'One Vision (Extended)', Queen - 'A Kind of Magic', Queen - 'Friends Will Be Friends', Queen - 'Who Wants To Live Forever', Queen- 'Princes Of The Universe', Queen - 'The Miracle', Queen - 'I Want It All', Queen - 'Breakthru', Queen - Let me live (1995), Queen - 'Mother Love' (Queen: The Films), Queen - 'O' (My Life Has Been Saved) Queen: The Films, Queen-I Was Born To Love You, Queen - 'Evolution' (Heaven For Everyone) Queen: The Films, Queen - 'Heart-Ache' (Too Much Love Will Kill You) Queen: The Films, Queen - 'You Don't Fool Me' (Queen: The Films), Queen - 'Outside-In' (A Winter's Tale) Queen: The Films, Freddie Mercury - Time, Freddie Mercury - The Great Pretender (Single Version))

domenica 28 febbraio 2010

Full Metal Panic!

Ecco una nuova tipologia di post!
Chi mi conosce sa che amo i cartoni animati e tra questi anche i cartoni animati giapponesi (anime), nonchè i fumetti (manga). Sono tra quelle persone che pensano che l'animazione non debba essere necessariamente rivolta solo ai bambini, ma che si possano anche creare opere per un target diversificato. Divertenti, di guerra, romantici, gialli, horror...tutti i generi del cinema possono essere, in fondo, trasposti, in immagini disegnate.
Alla fine della pagina del blog ho voluto incorporare un po' di questo mondo; cercando nella rete anime buone che caricano i video e sperando di farvi cosa gradita.
A rotazione cercherò di cambiare video (e Anime), quindi troverete il post e la sezione permanente in fondo!
Si inizia con FULL METAL PANIC! un anime che avevo visto qualche anno fa e che ho ritrovato su Youtube (INTEROOOOOO!O almeno quello che è uscito): ultimamente mi sono divertita con la serie "Fumoffu"...mi ci voleva proprio!
Vi lascio alle avventure di Sousuke ("un ragazzo molto serio, ma anche timido") e Kaname: buona visione!







Art-Journal pag. 8 e pag. 9

8. TEMPO [TIME]


9. DUBBIO [doubt]

Post più popolari